Spedizioni gratuite per spese oltre € 39,90

Miglior latte senza glutine per neonati

19/09/2022 - Pubblicato in Ultime notizie di Celiachia, Salute & Benessere

Salute & Benessere
  • 0

Il latte rappresenta per il neonato il principale apporto di nutrienti ed elementi essenziali per lo sviluppo fisiologico e fisico.

Contribuisce a rafforzare:

  • le ossa
  • il sistema immunitario
  • il sistema cardiocircolatorio
  • il sistema respiratorio

Gli esperti raccomandano, infatti, di far nutrire i neonati con latte materno evitando almeno fino al sesto mese di età di utilizzare il latte artificiale. Questa raccomandazione che proviene anche dall'Organizzazione Mondiale della Sanità sottolinea l'importanza di assicurare l'apporto materno di latte al proprio neonato.

Tuttavia, non sempre questo è possibile fare. A volte, allattare al seno non è fattibile per diverse cause legate alla produzione di latte della mamma oppure alle abitudini del neonato stesso. 

Oppure, può succedere che il latte materno non sia tale da soddisfare in maniera completa e opportuna le esigenze nutritive ed alimentari del neonato. Ad esempio, la composizione del latte materno non contiene un adeguato apporto di vitamine, grassi o proteine.

Quindi, di conseguenza, l'alternativa migliore suggerita dal pediatra è rappresentata dal latte artificiale o latte per neonati.

Come vedremo in questo articolo, esistono diverse tipologie di latte per neonati che tengono conto anche di alcune importanti esigenze come allergie al glutine. 

Quali caratteristiche generali ha il latte artificiale?

Il latte per neonati è un composto che si può trovare sia in soluzione polvere che in soluzione liquida. Essendo utilizzato come sostituto del latte materno, la sua formulazione deve essere tale da consentire di soddisfare le normali esigenze del piccolo sia in termini di sazietà che di qualità.

Deve contenere tutti gli elementi essenziali per lo sviluppo fisico e intellettuale. Inoltre, deve rappresentare un importante sostegno nel prevenire disturbi legati ad allergie o stipsi e nel rinforzare il sistema immunitario. 

Le varie tipologie di latte artificiale contengono in proporzioni diverse gli stessi principi nutritivi che si rifanno alla formulazione del latte materno, ovvero:

  • Proteine come la caseina e le siero proteine. Rappresentano i mattoni della crescita strutturale del neonato e sono i protagonisti di tantissimi processi metabolici
  • Carboidrati o zuccheri come il glucosio, lattosio, maltosio e polisaccaridi. Sono importanti fonti di energia
  • Grassi saturi, mono e poli insaturi. Sono una grande risorsa energetica di riserva e sono anch'essi fondamentali per la crescita e lo sviluppo
  • Vitamine come vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina E, vitamina K e minerali come potassio, magnesio, sodio, cloro, zinco, fosforo e calcio. Contribuiscono ai normali processi metabolici e al corretto funzionamento dell'organismo del neonato

In linea di massima, questa è la formulazione principale del latte artificiale. Tuttavia, questa stessa formulazione è suscettibile di variazioni come, ad esempio, l'inutilizzo di lattosio e glutine.

Quali sono le tipologie di latte artificiale comunemente in commercio?

Esistono diversi criteri per definire le tipologie di latte artificiale a prescindere dalla marca e dalla modalità di produzione. I vari tipi di latte per neonati disponibili in commercio hanno caratteristiche che si differenziano per l'età e altri fattori in linea con le obiettive esigenze. 

Ecco le principali formulazioni:

  • Formula 1: è la tipologia di latte artificiale adatta per i neonati fino ai 6 mesi di vita. È la formulazione pù simile a quella del latte del seno della mamma
  • Formula 2: viene denominato anche latte di proseguimento perché è stato ideato per i bambini che hanno un'età maggiore dei 6 mesi
  • Formula 3: è un tipo di latte che viene fatto assumere ai bambini dai 12 ai 36 mesi di vita del bambino
  • Formula speciale: rappresenta una formulazione che ha delle variazioni a seconda delle particolari esigenze del neonato. Ad esempio, c'è un tipo di latte studiato per bambini che sono nati prematuramente e generalmente è arricchito di proteine. E poi ci sono tipologie di latte artificiale per contrastare problemi di digestione o per neonati a rischio di pericolose allergie.

Oltre alle differenze di composizione, c'è da fare la distinzione tra il latte in polvere e quello liquido. 

Il latte in polvere ha un costo meno elevato, è possibile conservarlo a lungo senza che subisca variazione della qualità degli elementi ma richiede più tempo per la sua preparazione.

Il latte artificiale liquido è di facilissimo utilizzo in quanto non richiede l'utilizzo di misurini, miscelatori o accessori per il corretto dosaggio. Le confezioni vengono semplicemente aperte e il contenuto riscaldato. Dopo di che il latte sarà pronto per il consumo. Il limite di questa soluzione è rappresentato dalla scarsa conservazione. Il deterioramento è rapido al momento dell'apertura della confezione. Pertanto, il contenuto deve essere assunto il prima possibile. 

Qual è il dosaggio migliore per l'assunzione di latte artificiale?

L'allattamento al seno materno non è legato al dosaggio del latte. La mamma può allattare il proprio neonato tutte le volte che quest'ultimo ne avverte l'esigenza senza dover necessariamente preoccuparsi di eventuali sovra dosaggi. 

Invece, se il neonato assume latte artificiale ci sono determinati precisi dosaggi da rispettare in virtù dell'età di vita del neonato.

Gli esperti hanno delineato alcune linee guida e indicazioni generali che riguardano la dose di latte artificiale da far assumere in base all'età:

  • dalla prima settimana di vita sino al terzo mese il bambino dovrà fare 6 poppate al giorno con un intervallo di 3 ore circa
  • durante la prima settimana di vita la dose di partenza è circa 10ml per poi essere aumentata in maniera graduale fino a raggiungere a 80ml al settimo giorno
  • dopo la prima settimana si raggiunge il primo mese con una dose costante di 100ml di latte artificiale 
  • dal secondo mese in poi la dose dovrà essere 120ml a poppata 
  • durante il terzo e il quarto mese il numero di poppate diminuisce da 6 a 5 con un intervallo di 4 ore. Anche la quantità di latte aumenta a 150ml per poppata

Attenersi strettamente a queste linee guida è importante. Tuttavia, un certo grado di flessibilità non influisce negativamente sulle esigenze del neonato. Ad esempio, se il bambino piange per fame si può anticipare la poppata fino ad un breve intervallo di tempo. Oppure se sta dormendo la poppata potrà essere posticipata al suo risveglio.

Quali accorgimenti prendere nella preparazione del latte artificiale?

Ci sono alcune piccole regole che aiutano la mamma a preparare adeguatamente il biberon contenente il latte artificiale.

Per prima cosa, è fondamentale assicurarsi un elevato grado di igiene. Questo significa che bisogna sterilizzare la tettarella del biberon prima di essere utilizzata. Lo si può fare mettendola in bollitura in acqua calda per una ventina di minuti circa.

Inoltre, anche le nostre mani dovrebbero essere ben pulite durante la procedura di preparazione in modo da non trasmettere alcuna contaminazione. 

Il latte in polvere per neonati va diluito con acqua oligominerale venduta in commercio in una bottiglia di vetro. Anche l'acqua, però, va riscaldata prima dell'utilizzo a 70 gradi per una ventina di minuti circa.

Come scegliere il miglior latte in polvere?

Ci sono alcune caratteristiche che possono aiutare i neo genitori a fare scelte corrette per assicurarsi il latte in polvere che sia adatto alle esigenze del piccolo. 

La prima importante caratteristica ha a che fare con la nutrizione. Un latte in polvere di qualità da un punto di vista nutritivo dovrebbe assicurare un apporto eccellente di tutti i nutrienti per lo sviluppo. Non dovrebbero mancare calcio e proteine. Inoltre anche il grado di digeribilità dovrebbe essere adeguato per permettere al neonato di assorbire senza problemi le sostanze nutritive.

Un altro aspetto da considerare è il gusto. I neonati potrebbero immediatamente rifiutare un latte che non sia piacevole al palato. Pertanto, è bene assicurarsi che non lasci un retrogusto amaro bensì avere delle caratteristiche organolettiche simili al dolciastro.

Infine, ma non per ultimo, la convenienza è un'altra caratteristica da ricercare in un latte in polvere. Senza fare compromessi, non dovrebbe essere eccessivamente costoso. Inoltre, dovrebbe essere pratico da preparare ed utilizzare in modo da non occupare molto tempo.

Quali formule speciali del latte in polvere sono a disposizione?

Non tutti i bambini possono tollerare la tipica formulazione del latte in polvere. Ci sono, infatti, casi di intolleranza e allergia che rende necessario trovare alternative valide. 

In commercio, si può trovare:

  • latte ipoallergenico in cui le proteine vengono scomposte in amminoacidi semplici favorendone l'assorbimento oppure senza glutine.
  • latte di soia usato nel caso di allergia al latte vaccino
  • latte senza lattosio per i neonati che hanno la specifica intolleranza a questo zucchero
  • latte per i neonati prematuri che contiene molte calorie ma nello stesso tempo è maggiormente digeribile 

Scegliere il latte per neonati senza glutine

Il glutine è un complesso alimentare formato principalmente da proteine. Oltre ad essere parte integrante di alcuni cereali, come grano e frumento, viene utilizzato nella composizione del latte artificiale come importante fonte proteica.

Il neonato, tuttavia, potrebbe risentire di determinati disturbi intestinali e soffrire di intolleranza al glutine che potrebbe portare col tempo a sviluppare la più grave celiachia. 

La malattia celiaca provoca infiammazione e atrofia a livello dei villi intestinali ma può estendersi ad altri organi che non riguardano il sistema gastrointestinale. 

Nasce, pertanto, l'esigenza di trovare latte artificiale privo di glutine. Di seguito elenchiamo alcuni prodotti attualmente in commercio e davvero efficaci per i neonati.

Neolatte 1 è un latte indicato per alimentare il lattante dalla nascita fino al sesto mese di vita (latte di partenza). Si tratta di un alimento pro biotico in quanto contiene colture di Bifidus naturali che rendono facile la digeribilità. Queste ultime, infatti, rendono difficile la crescita di batteri intestinali non benefici e nello stesso tempo possono regolare la digestione. Infatti, questo tipo di latte è appropriatamente studiato per i neonati che hanno problemi della digestione e intolleranza al lattosio. Non contiene glutine, conservanti, saccarosio e coloranti ma tutti ingredienti di origine biologica. È stato arricchito di vitamine A, C, D e acido folico che rinforzano il funzionamento del sistema immunitario. La composizione ha i sali minerali come calcio, magnesio e potassio per lo sviluppo delle ossa e del sistema nervoso. Per ricostituire il latte si preparano 5g di Neolatte 1 polvere ogni 30ml di acqua bollita. 

Neolatte 2 è un latte di proseguimento in polvere con ingredienti di origine interamente biologica adatto per l'alimentazione del bambino dopo il sesto mese di vita. È arricchito con Bifidobatteri e acido arachidonico. Non contiene glutine, conservanti, coloranti e aromi artificiali. Ha una composizione che rispetta in maniera equilibrata l'apporto di grassi, carboidrati, proteine, vitamine e minerali oltre all'apporto calorico soddisfacente per il bambino. 

Hipp latte per lattanti in polvere contribuisce alla nutrizione e allo sviluppo del bambino. Il prodotto contiene farina di semi di carrube utile per dar consistenza al latte e favorire la digestione. Contiene fermenti lattici vivi essenziali per irrobustire le difese immunitarie del bambino. Le vitamine garantiscono la funzione nervosa e cardiaca oltre a trasformare gli alimenti in energia. Il latte non contiene glutine, zuccheri, conservanti e coloranti. Per l'utilizzo si consiglia di far bollire l'acqua e lasciarla raffreddare per poi versarla nel biberon. Col misurino prelevare la quantità indicata di latte in polvere e versarla all'interno del biberon. Dopo breve agitazione si lascia riposare per 7 minuti. 

Nestlé Nidina Optipro 4 latte in polvere è un latte di crescita idoneo all'alimentazione del bambino dai 24 mesi di età in avanti. La formulazione è studiata da esperti per assicurare un apporto nutrizionale di qualità integrato ad un'alimentazione diversificata e uno stile di vita sano. Contiene una buona quantità di Vitamina C per il funzionamento del sistema immunitario, Vitamina D per lo sviluppo di ossa e di denti e fermenti lattici vivi Bifidus Lactis che favoriscono l'assorbimento intestinale. Per poter mantenere in vita i fermenti lattici, l'acqua bollita deve essere raffreddata ad una temperatura idonea per il lattante prima di versare la polvere. La preparazione è semplice e prevede l'uso di un misurino che può contenere 4,5g di polvere. Si consiglia di preparare il latte solo al momento del pasto e consumarlo al più presto. Non contiene glutine ed è quindi adatto per neonati che soffrono di intolleranze alimentari o disturbi intestinali.

COMMENTI

Al momento non ci sono altri commenti.

Aggiungi un commento