Promo di Marzo

L'attività sessuale è parte integrante dell'armonia di coppia e dimostrazione di amore e affetto a prescindere dagli anni in cui si sta insieme.

Tuttavia, la riduzione della libido e dell'eccitazione maschile e femminile rappresentano condizioni sempre più comuni nella popolazione. Per intenderci, l'eccitazione è responsabile dell'erezione maschile e del fenomeno fisiologico della lubrificazione della vagina nella donna. 

Il decremento del desiderio sessuale riguarda per la maggiore la componente femminile raggiungendo quasi il 40% della popolazione di donne. 

La mancanza di desiderio sessuale può trasformarsi in alcuni casi in disagi clinici che potrebbero avere risvolti psicologici o fisiologici. Quando questo avviene il problema si classifica come disturbo del desiderio sessuale ipoattivo. Una piccola percentuale di donne ne soffre soprattutto dopo la menopausa. Anche gli uomini ne soffrono ma in percentuali ancora più basse.

Le cause che portano ad una diminuzione della libido sono di diversa natura e affondare le proprie radici in diversi problemi o disfunzioni dell'organismo. Una causa molto frequente ha carattere psicosomatico, ovvero quando disturbi psicologici o depressione hanno la meglio sul desiderio. 

Altre cause, invece, riguardano scompensi dei livelli ormonali nell'organismo con conseguente rallentamento delle attività legate alle funzioni fisiologiche dell'apparato sessuale. A tal proposito, ci potrebbero essere problematiche di natura anatomo funzionale a carico dei genitali. Questo avviene soprattutto in casi di disfunzione erettile. 

Le statistiche affermano che le principali problematiche che sono legate alla mancanza di eccitazione nella coppia interessano maggiormente la sfera psicologica ed emotiva. Quindi, trattare i comportamenti inappropriati dal punto di vista emotivo e di stile di vita può risolvere il problema e ripristinare l'attività sessuale nella coppia. 

Le circostanze stressanti possono risentire dell'influenza di fattori esterni e incontrollabili come eventi traumatici, un lutto, perdita del lavoro, separazione o divorzio e altre situazioni che potrebbero compromettere la libido e l'eccitazione nel breve o lungo termine. I risvolti sulla salute possono riguardare la disfunzione erettile e la secchezza vaginale. 

Ovviamente, alcuni disturbi di natura prettamente psicologica come ansia, attacchi di panico e depressione hanno un ruolo primario nella manifestazione. Anche l'uso frequente di psicofarmaci e antidepressivi agisce negativamente sul desiderio e l'eccitazione. 

Lo stress fisico e mentale influisce notevolmente sul calo del desiderio. Questo avviene soprattutto se si aggiunge una dieta alimentare non corretta e attività fisica intensa. Un esempio tipico della diminuzione della libido è rappresentato dai culturisti o atleti che applicano regimi di allenamento molto elevati ed intensi ed una alimentazione sbilanciata per favorire un apporto energetico elevato.

Il ruolo del testosterone nella riduzione dell'eccitazione

La riduzione del desiderio è un fenomeno legato anche al ruolo biologico dell'ormone steroideo denominato testosterone. Il massimo livello di questo ormone è riscontrabile nell'uomo. Infatti, è riconosciuto principalmente come ormone sessuale maschile. Comunque, in tracce si trova anche nelle donne. 

Nell'uomo, il testosterone è al massimo dei suoi livelli nell'età dello sviluppo e negli individui che svolgono regolarmente allenamenti per aumentare la forza e presentano un'alta percentuale di massa muscolare. 

Il testosterone diminuisce per diverse motivazioni che hanno a che fare con la fisiologia dell'organismo e abitudini di vita.

Ad esempio, diminuisce con l'avanzare dell'età, con una componente di massa grassa molto ridotta, con un apporto di grassi alimentari molto bassi, a causa dello stress eccessivo, in seguito a cicli di allenamento fisico intenso, un apporto energetico sbilanciato, aumento del tessuto adiposo.

Inoltre, errate abitudini di vita come il fumo, l'abuso di alcool, stress, carenza di sonno influenzano notevolmente sull'abbassamento dell'ormone nel corpo. 

A prescindere dalla causa scatenante, o dall'insieme di fattori che incidono, i bassi livelli di testosterone incidono negativamente sul desiderio sessuale e sulla struttura muscolare del pene. 

Ovviamente, solo il basso livello di testosterone non è indicativo della diminuzione del desiderio. Non è sempre vero che si stabilisca una relazione diretta causa effetto tra l'ormone e la libido. Ecco perché, oltre a fare un esame ematologico per scoprire il testosterone totale e libero in circolo, è necessario una consulenza medica anche specialistica di tipo endocrinologica e ginecologica. 

Sintomi di bassi livelli del testosterone nell'uomo e nella donna

Ci sono dei segnali che indicano che il livello di testosterone è basso. Parliamo dell'umo:

  • riduzione della quantità e della diffusione dei peli sul corpo e sul viso (tra cui la barba)
  • riduzione della massa muscolare
  • vampate improvvise di calore
  • sbalzi dell'umore
  • fragilità ossea e aumento del rischio frattura
  • bassa libido, fenomeni di impotenza, testicoli piccoli, diminuzione degli spermatozoi e sterilità

Parliamo della donna. Come accennato prima, il testosterone è presente in livelli fisiologici anche nelle donne in età fertile. Quando il suo livello è basso nella donna si riscontra:

  • una diminuzione del desiderio
  • riduzione della massa ossea e della forza muscolare
  • ridotta capacità di concentrazione mentale
  • sbalzi dell'umore improvvisi

Un ulteriore alterazione del metabolismo ormonale nelle donne è dovuta ad un disordine endocrino e metabolico che porta ad avere una sindrome chiamata sindrome dell'ovaio policistico. 

La figura del ginecologo, pertanto, risulta indispensabile nei casi in cui la riduzione del desiderio si accompagna ad altri segni clinici, sintomi, alterazioni della composizione corporea e disfunzioni del metabolismo. 

Nei casi in cui la produzione di testosterone risulti inadeguata dal punto di vista fisiologico è possibile aumentarlo facendo uso di prodotti che agiscano da supplementi nutrizionali. 

Non si tratta di farmaci ma di integratori alimentari con una buona efficacia ed un basso livello di effetti collaterali e interazioni farmacologiche pericolose. 

Naturalmente, i soggetti che sono sottoposti a terapie farmacologiche che abbassano i livelli di testosterone come , ad esempio, nel trattamento del tumore alla prostata, dovrebbero consultare il medico prima di assumere integratori.

Quali sono gli integratori alimentari migliori per aumentare la libido e l'eccitazione

Alcuni integratori alimentari preparati per aumentare il desiderio sessuale sono a base di arginina, maca, cacao, fieno greco e altri prodotti a base di ossido nitrico. L'eccitazione, infatti, è soprattutto mediata dall'azione dell'ossido nitrico che agisce da vasodilatatore sia nell'uomo che nella donna. 

Si riscontra che anche supplementi nutrizionali concepiti per altri obiettivi come la riduzione dell'ipertensione arteriosa o il miglioramento delle prestazioni sportive potrebbero rivelarsi vantaggiosi nel potenziare i meccanismi di eccitazione. 

Tra questi, i principali sono a base di arginina, nitrati, aceti-cisteina, flavonoidi, aglio che contribuiscono all'aumento o ricezione dell'ossido nitrico. 

Per aumentare i livelli di testosterone nell'organismo è necessario allenarsi nella forza con specifici allenamenti settimanali, avere una buona massa muscolare, seguire una dieta equilibrata, dormire a sufficienza, gestire lo stress ed avere un peso corporeo che rientri nella norma. 

Gli integratori alimentari più utilizzati per aumentare il testosterone sono a base di Vitamina D, zinco, magnesio, creatina, boro e acido aspartico. 

Vediamo alcuni integratori alimentari molto efficaci:

  • Maca. Si tratta di una radice capace di aumentare il desiderio in entrambi i sessi in maniera progressiva fino a circa due mesi dall'inizio dell'assunzione. Risultati significativi si sono ottenuti anche in donne post menopausa. È consigliabile assumere la maca in polvere fino a 3 g a colazione. 
  • Eurycoma longifolia jack è una pianta utilizzata per migliorare il desiderio negli uomini e nelle donne. Stando ad alcune ricerche potenzia la fertilità maschile ma non agisce sui livelli di testosterone.
  • Fieno greco sotto forma di semi e foglie aumenta la libido nei maschi oltre ad aumentare lievemente il livello di testosterone in circolo. 
  • Tribulus terrestris è una pianta erbacea che fa aumentare notevolmente il testosterone aumentando anche la libido. 
  • DHEA è una molecola coinvolta nella sintesi di testosterone. Nell'organismo si riduce con l'aumento dell'età, pertanto è bene integrarlo per avere ottimi livelli di testosterone. 
  • Vitamina D ha un ruolo importante nella regolazione della produzione dell'ormone testosterone. 

Magnesio e zinco: anche questi due minerali sono indispensabili nella sintesi ormonale e vanno integrati nella dieta solo quando il basso livello di testosterone è collegato alla carenza di questi minerali.

A tal proposito, Testo Max è un integratore alimentare la cui formulazione contribuisce al mantenimento del livello di testosterone nel sangue e difesa delle cellule dallo stress ossidativo.

Contribuisce ad aumentare la fertilità nell'uomo e la sintesi degli ormoni steroidei, della vitamina D e dei neurotrasmettitori. La confezione contiene 90 capsule. Si consiglia di assumere una capsula al giorno.

  • Coleus forskohlii è un'erba capace di aumentare una molecola biologica (cAMP) la cui quantità nei testicoli è proporzionale all'aumento della produzione di testosterone. Contiene numerosi principi attivi con possibili interazioni di natura farmacologica e con le attività col fegato. Pertanto, va dosato in maniera opportuna
  • Ortica migliora il sistema immunitario e promuove il piacere sessuale
  • Arginina combatte il problema della disfunzione erettile, è un precursore dell’ossido nitrico, un elemento importante per favorire la vasodilatazione responsabile del riempimento dei corpi cavernosi del pene e conseguente erezione. Una integrazione con Arginina può avere effetti benefici a livello circolatorio e contribuire ad una soddisfacente erezione nell’uomo

Ci sono prodotti in compresse o fiale contenenti Arginina, tra i principali ricordiamo:

Come funzionano gli integratori sessuali

Possono essere sotto forma di pillole per uomini, in formula liquida o gel. In base alla tipologia varia la modalità di assunzione. Gli integratori in pillola vanno assunti la mattina dopo colazione per ottenere gli effetti la sera invece quelli in formulazione gel vanno applicati direttamente sulla zona da trattare pochi minuti prima di consumare il rapporto. 

È importante specificare che esiste una sostanziale differenza tra integratori e viagra. Quest'ultimo agisce immediatamente ma gli effetti spariscono dopo poco tempo mentre l'integratore offre una risposta continuativa nel tempo. Inoltre, la formulazione del viagra non è sempre naturale. 

Gli integratori sessuali solitamente non hanno solo una funzione ma diverse tra cui:

  • migliorano la circolazione sanguigna interna. L'erezione negli uomini potrebbe essere compromessa non tanto dalla mancanza di desiderio ma dal fato che non arrivi molto sangue al pene. In questa situazione si possono riscontrare i due fenomeni più conosciuti: la disfunzione erettile e l'eiaculazione precoce. Entrambe le situazioni creano non poco disagio psicologico e abbassa l'autostima. La microcircolazione del sangue, pertanto, è fondamentale per avere un rapporto sessuale appagante
  • aumentano la stimolazione del piacere maschile. Contengono degli elementi naturali che aiutano a dar forza ed energie al rapporto senza creare complicazioni e disagi
  • diminuiscono i tempi di ripresa. Con l'aumentare dell'età, la resistenza maschile diventa minore e i tempi per riprendersi da un rapporto si allungano. Gli integratori aiutano a riprendere la forza fisica in breve tempo
  • apportano sali minerali per rafforzare il sistema immunitario. Molti integratori sessuali maschili contengono vitamine del gruppo C, ferro, zinco per rinforzare anche l'apparato urinario e genitale nell'uomo
  • migliorano il benessere dell'apparato urinario. Gli integratori hanno oligo elementi che permettono ai reni, fegato e apparato maschile di funzionare dovutamente nel tempo 

Al fine di ottenere questi risultati, la composizione di questi integratori si basa molto sulla presenza di principi attivi naturali trovati dopo anni di ricerca. 

In commercio esistono integratori davvero efficaci in grado di migliorare il desiderio sessuale. Tra quelle più efficaci ci sono:

Maximo, un integratore alimentare a base di ingredienti naturali che garantisce l'aumento del desiderio sessuale ed erezioni più energiche e durature. Può essere utilizzato come terapia da coloro che soffrono di disfunzione erettile oppure da chi desidera semplicemente migliorare le prestazioni sessuali. Maximo permette di neutralizzare lo stress e l'ansia quotidiana che incide in maniera negativa sulla durata del rapporto e sulla performance sessuale. Tra gli ingredienti naturali troviamo la Taurina che stimola e dona tonicità, Maca che agisce come vasodilatatore del pene, Tribulus Terrestris che incentiva la produzione di testosterone e dello sperma, zinco e vitamina E la cui combinazione migliora la prestazione sessuale e contribuisce all'aumento delle dimensioni del pene. Quindi, in conclusione, l'integratore aumenta le prestazioni, potenzia l'erezione, ha un effetto stimolante e aumenta il desiderio sessuale.

Erba vita Virility 5 Plus Integratore tonico 45 capsule, un integratore che infonde tono, energia e vitalità all'organismo rappresentando un ottimo aiuto per influire on maniera positiva sulla sessualità della coppia. Tra gli ingredienti naturali ci sono il suma, muira puama, maca, guaranà, damiana e magnesio. Si consiglia di assumere una o due capsule ogni mattina e un paio di capsule nel pomeriggio con frequenza. Si consiglia di effettuare più cicli di trattamento. Ogni flacone contiene ben 60 capsule per assicurarsi un lungo periodo di assunzione. 

Quando assumere gli integratori sessuali?

Gli integratori sessuali possono essere assunti in diverse modalità e orari differenti. In linea di massima, non esistono orari ben precisi ma delle indicazioni di massima.

Ad ogni modo l'orario migliore per l'uso degli integratori è al mattino possibilmente prima di fare colazione. Per prodotti specifici che migliorano le prestazioni sessuali e aumentano il desiderio gli orari di assunzione potrebbero variare. Alcuni prodotti come pomate vanno utilizzati poco prima del rapporto. 

Le pillole prese a colazione fanno effetto la sera. Se le prestazioni sono già soddisfacenti forse non è il caso di assumerle. Generalmente, è poco vantaggioso prenderle poco dopo la pubertà o dai trenta anni in giù. 

È meglio non assumere altri integratori oltre a quelli sessuali oppure insieme a farmaci che si prendono regolarmente a causa di qualche patologia in corso per evitare eventuali effetti indesiderati.

Le compresse possono avere diverse formulazioni. Alcune hanno bisogno semplicemente di un bicchiere d'acqua e altre che vanno sciolte nell'acqua. Ci sono quelle da assumere a stomaco pieno dopo i pasti e altre a stomaco vuoto. 

In tutti i casi, è sempre bene assicurarsi di rispettare le indicazioni riportate nella confezione per non commettere errori e per avere sicurezza dell'efficacia del prodotto al momento giusto. 

Quando utilizzare creme e gel

I componenti delle creme e dei gel sono più o meno identici agli integratori in pillole. L'uso topico favorisce il diretto assorbimento e riduce il tempo di attesa. 

Tra i vantaggi c'è la facilità di assorbimento e di utilizzo. Basterà massaggiare la zona da trattare e la pelle assorbirà tutti i benefici dell'integratore senza passare per stomaco e intestino

Questo rappresenta il vantaggio ideale per tutti coloro che già utilizzano dei farmaci per le cure giornaliere. Inoltre, usando una crema o un gel, i risultati si vedono sin da subito. 

L'unica limitazione nell'utilizzo di questi integratori è che per usarli è necessario che la pelle sia sempre ben pulita. Qualora, infatti, ci siano irritazioni o ferite, un gel non può essere utilizzato. Non si possono usare creme neanche se già si fa uso di altre creme nella zona interessata.