Difese immunitarie basse: cause e rimedi

Il sistema immunitario svolge il ruolo importantissimo di proteggere l’organismo dagli attacchi di patogeni nocivi. Molto spesso tendiamo a sottovalutare e dimenticare il compito essenziale che esso svolge, almeno fino a quando funziona correttamente.

Sistema Immunitario: cos’è?

In generale e dal punto di vista funzionale, il sistema immunitario può essere diviso in sistema immunitario innato (o anche naturale) e acquisito (o anche specifico o adattativo). Il sistema immunitario così sviluppato opera fornendo una barriera di esclusione, identificando ed eliminando i patogeni, identificando e tollerando fonti di antigeni non minacciose e mantenendo un ricordo degli incontri immunologici.

Come il sistema di difesa di un castello, anche le difese di un organismo sono organizzate in un sistema, che in questo caso comprende

  • Organi
  • Ghiandole
  • Cellule
  • Proteine

Dopo il sistema nervoso, il sistema immunitario è considerato il sistema più complesso e sfaccettato del corpo umano. La sua rete intricata coinvolge varie cellule distribuite in tutto il corpo umano, che si muovono attraverso il flusso linfatico e il flusso sanguigno. Vi sono aree, dove le cellule sono classificate come linfoidi primari o linfociti, in cui compaiono e maturano le cellule immunitarie (midollo osseo e timo), e organi linfoidi secondari (linfonodi, milza e tessuto linfoide associato all'intestino), dove le cellule immunitarie mature interagiscono e rispondono agli antigeni.

                            

Come riconoscere un sistema immunitario debilitato?

La spia più sicura di un sistema immunitario fragile è la suscettibilità alle infezioni. Una persona con una azione immunitaria inefficace ha maggiori probabilità di contrarre infezioni e con maggiore frequenza rispetto alle altre persone, e queste malattie potrebbero essere più gravi o più difficili da trattare. Le infezioni più comuni che una risposta immunitaria debole non riesce a contenere includono:

  • Polmonite
  • Meningite
  • Tracheite
  • Bronchite
  • Faringite
  • tonsilliti
  • infezioni della pelle

Le persone con un sistema immunitario fragile possono incorrere in malattie autoimmuni - come l’artrosi- infiammazioni dei vasi sanguigni e delle arterie, dolori alle articolazioni, disturbi del sangue o anomalie come l’anemia (da cui la sensazione di stanchezza e affaticamento che spesso accompagna un deficit immunitario), problemi digestivi e perdita dell’appetito, allergie e rash cutanei e persino ritardi nella crescita in epoca prepuberale. Vi sono almeno 80 malattie e diversi disturbi legati ad un cattivo funzionamento del sistema immunitario. Un semplice esame del sangue potrà rivelarti se possiedi anticorpi nel range di normalità.

Quali rimedi adottare per stimolare il sistema immunitario

Per supportare le varie funzioni di un sistema articolato come una complessa orchestra è necessaria una buona alimentazione protratta nel tempo e modelli dietetici di qualità. In altre parole non esiste una soluzione rapida né è possibile rafforzare il sistema immunitario con una sola sostanza, perché mai – o quasi mai - una sola sostanza ne è la causa.

Inoltre non tutti gli integratori funzionano allo stesso modo, alcuni contengono ingredienti che vanno a stimolare direttamente il sistema immunitario, altri impiegano più tempo a funzionare perché la loro azione è indiretta. Mantenere una dieta equilibrata, dormire a sufficienza, impegnarsi in un'attività fisica regolare e non fumare sono alcuni dei modi più comprovati per mantenere sane ed efficienti le nostre difese immunitarie e ridurre le possibilità di infezioni e malattia. Idealmente, seguire una dieta sana ed equilibrata è l'approccio ottimale per costruire e mantenere un sistema immunitario forte. Tuttavia, sono in molti a scegliere di utilizzare integratori alimentari per garantire un apporto nutrizionale soddisfacente. Se decidi di acquistare un integratore per il tuo sistema immunitario dovrai prestare attenzione al tipo di azione dei suoi ingredienti ma anche che questi siano presenti nella dose efficace per il supporto immunitario che stai cercando. Ricordati di attenerti alle dosi consigliate, perché i sovradosaggi di vitamine possono essere tossici.

Gli integratori stimolanti dovrebbero essere assunti solo all’inizio di una sensazione di malessere e utilizzati per poche settimane. Stimolare il sistema immunitario per lunghi periodi può essere dannoso. Gli integratori di supporto di solito impiegano alcuni giorni ad iniziare a funzionare e agiscono quasi in modo preventivo per aiutarti a vincere sfide immunitarie come un’infezione batterica o virale. L’immuno-potenziamento, al contrario, agisce direttamente su una o più funzioni immunitarie specifiche oppure modifica uno o più componenti della complessa rete immunoregolatoria per ottenere i suoi effetti attraverso meccanismi indiretti.

Gli antiossidanti ad esempio, svolgono questa funzione e migliorano la risposta immunitaria a lungo termine perché prevengono i danni alle cellule immunitarie. Anche la vitamina D ha un impatto sui meccanismi d’azione che contrastano il rischio infezioni, mentre i probiotici sono fondamentali nella barriera intestinale. Gli stimolatori del sistema immunitario a breve termine comprendono:

  • la vitamina C
  • l'acido folico
  • l'echinacea
  • il sambuco
  • lo zinco
  • il selenio