Crampi notturni alle gambe: quali sono le cause e i rimedi?

I crampi muscolari notturni alle gambe si manifestano con una forte sintomatologia dolorosa prodotta da un'eccessiva contrazione delle fibre muscolari, localizzata di solito a livello di polpacci, cosce e piedi.

Durante la crisi il muscolo interessato appare di consistenza dura e compatta, assolutamente refrattario a qualsiasi manovra rilassante e caratterizzato da una notevole paralisi motoria.

Tali manifestazioni possono esordire nelle ore notturne durante il sonno, provocando un brusco risveglio del soggetto; la causa scatenante si ricollega ad una diminuzione del flusso sanguigno che provoca una minore ossigenazione dei tessuti.

Un fattore predisponente di notevole importanza è anche la carenza di minerali, soprattutto magnesio e potassio, spesso eliminati attraverso il processo di sudorazione.

Questo disturbo può essere la conseguenza di un eccessivo sforzo muscolare in seguito al quale, durante la notte, nel muscolo si trova un'elevata concentrazione di acido lattico.
Anche l'assunzione di alcuni farmaci, in particolare i diuretici che provocano l'eliminazione di minerali, può contribuire alla manifestazione del problema.

Il rimedio più efficace per contrastare l'insorgenza dei crampi muscolari notturni alle gambe è curare con particolare attenzione il proprio regime dietetico, soprattutto in estate quando la sudorazione è più intensa.

Un'alimentazione ricca di vitamine e minerali (presenti nella frutta e verdura fresche) rappresenta un aiuto efficacissimo; in particolare fichi, mandorle, noci e banane, cibi estremamente ricchi di potassio, dovrebbero essere consumati regolarmente.

In commercio sono disponibili numerosi integratori multivitaminici contenenti minerali, il cui impiego è caldamente consigliato alle persone soggette a questo disturbo.

Anche i massaggi con olio essenziale di zenzero e rosmarino si sono rivelati particolarmente efficaci.