Cos’è il Kefir?

Pubblicato il

Cos’è il Kefir?

Tra le abitudini alimentari di questi ultimi tempi, si sta diffondendo sempre di più anche in Italia l'utilizzo del Kefir.
Il Kefir è un latte fermentato,
una bevanda simile allo yogurt, ottenuta grazie alla fermentazione del latte, il gusto è fresco, leggermente acido ma dal sapore gradevole

Il Kefir, il cui nome può significare “benessere” (dall’Armeno keif) o “delizia” (dal Turco keyif), è una bevanda di origine Caucasica che si ottiene mediante la fermentazione del latte, prodotta dall’aggiunta del kefiran: un insieme di fermenti e lieviti e prodotto da alcuni batteri specifici.

Chi può assumere il Kefir?

Il prodotto è indicato per coloro che hanno bisogno di ritrovare energia o per chi è sottoposto ad un trattamento di antibiotici, per gli anziani, e soprattutto per le donne in gravidanza (grazie al suo alto contenuto di acido folico fondamentale per lo sviluppo del feto).

Quali sono le caratteristiche del Kefir?

È ricco di sostanze benefiche per la salute:

  • Probiotici, Vitamine del gruppo B (tra cui l’acido folico), la vitamina K, i minerali come calcio, magnesio, potassio, fosforo, infine è ricco anche di proteine
  • È povero di calorie: 100g di Kefir contengono tra le 30 e le 110 calorie
  • Contiene poco lattosio

Benefici del Kefir

Assumere il Kefir apporta una buona dose di benessere all'organismo, in particolare:

  • Salvaguarda l'intestino: i batteri probiotici aiutano quotidianamente il nostro intestino e migliorano il sistema immunitario.
  • Aiuta e favorisce la digestione, placa l'infiammazioni del fegato, dell’intestino, e disturbi ai reni.
  • Il Kefir può aiutare chi soffre di celiachia poichè il prodotto riequilibria la flora batterica intestinale e tempera la risposta immunitaria che produce la patologia.
  • Genera un senso di sazietà, grazie al basso apporto di calorie, è indicato per chi segue una dieta dimagrante.
  • Grazie alla presenza di Triptofano il Kefir collabora nel tranquillizzare il sistema nervoso e favorisce il sonno notturno placando l'insonnia.

Esistono delle controindicazioni per l'assunzione del Kefir?

Le controindicazioni sono connesse ai suoi benefici: inizialmente potrebbe produrre un po’ di stitichezza o dolori addominali: segno che i fermenti lattici stanno facendo il loro lavoro di riequilibrio della flora intestinale.

  • Le persone che risultano intolleranti ai probiotici, lattosio, ai lieviti o alla caseina potrebbero presentare dei disturbi intestinali più seri e per questo è consigliabile interrompere l’assunzione. 

Il Kefir di latte fatto in casa

Ingredienti

  • 50g di granuli di Kefir di latte
  • Mezzo litro di latte a piacere a temperatura ambiente

Preparazione

Mettere i granuli di Kefir in un contenitore e versare il latte.
Dopo aver chiuso il recipiente, si consiglia di riporlo a temperatura ambiente e aspettare 48 ore finché il latte non si è cagliato.

Il Kefir non deve cagliare eccessivamente ma rimanere abbastanza liquido per evitare che diventi troppo acido.

Filtrare il Kefir e dopo alcuni istanti sarà pronto.

Come conservare il Kefir?

Il Kefir fatto in casa si mantiene in frigo per circa 1 settimana poichè con il passare del tempo la fermentazione continua e il gusto diventa sempre più acido.

Quanto Kefir è necessario assumere quotidianamente?
E' consigliato assumere inizialmente delle piccole dosi per monitorare l’effetto che ha l'alimento sul proprio organismo.

Si può iniziare con un cucchiaio o due per arrivare successivamente e dopo un pò di tempo ad assumere una o due tazze al giorno.



Pubblicato in: Salute & Benessere

Prodotti correlati

COMMENTI

Nessun commento di clienti al momento

Aggiungi un commento